La foresta dei suicidi

  • Babelcube Inc.
  • 2019
  • 0
  • eng
  • Edition not defined
  • 9781507169155
0

PROLOGO La Foresta dei Suicidi esiste davvero. I giapponesi la chiamano Aokigahara Jukai, che significa “Mare di Alberi”. Ogni anno le autorità locali vi rimuovono più di un centinaio di corpi, la maggior parte dei quali vengono trovati impiccati ai rami degli alberi e in vari stadi di decomposizione. Il suolo della foresta è disseminato di tende abbandonate, sacchi a pelo ammuffiti, zaini sporchi e chilometri di nastri. Si dice che l’area sia infestata dagli spiriti dei morti suicidi e la gente del posto racconta di udire spesso, durante la notte, delle urla inspiegabili. I cartelli raccomandano ai visitatori di non lasciare i sentieri. L’avvertimento viene regolarmente ignorato dagli amanti del brivido che sperano di imbattersi in qualcosa di macabro. La maggior parte di essi riesce a ritrovare la via del ritorno. Qualcuno non ce la fa. Un gruppo di amici, impossibilitato a causa del maltempo a scalare il Monte Fuji, decide di accamparsi nella vicina Aokigahara. La foresta si rivela sin da subito un luogo inquietante. Insolitamente silenziosa, isolata, disseminata dei miseri resti e degli effetti personali dei morti suicidi. Un posto davvero poco rassicurante da visitare, a sentire le storie di fantasmi di cui parlano i giapponesi. Eppure è proprio questo a rendere elettrizzante l’esplorazione. I ragazzi trascorrono la giornata a setacciare la foresta alla ricerca di cadaveri, allontanandosi dai percorsi segnalati e assistendo a fenomeni insoliti ma pur sempre comprensibili, che potrebbero aver contribuito ad alimentare le leggende sugli spiriti. Fenomeni che non li preoccupano a tal punto dal farli desistere a passare lì la notte. Ma quando la mattina successiva uno di essi viene inspiegabilmente ritrovato impiccato, si innescherà una serie di strani e macabri eventi che indurrà gli escursionisti a credere che dopo tutto possa esserci del vero, in quelle voci… Alcune recensioni ai suoi romanzi: “I fans del thri